top of page
Mani d'ammasso di bambini

Educatore professionale socio-pedagogico

PROFESSIONISTA DELL'EDUCAZIONE
E DELLA FORMAZIONE

L’Educatore professionale socio-pedagogico è il professionista dell'educazione e della formazione dell'Uomo che opera in ambito educativo, formativo e pedagogico in rapporto a qualsiasi attività svolta in modo formale, non formale e informale, nelle varie fasi della vita, in una prospettiva di crescita personale e sociale, con l’utilizzo di metodologie proprie della professione, in regime di lavoro autonomo, subordinato o mediante forme di collaborazione. È un professionista che svolge funzioni intellettuali con propria autonomia scientifica e responsabilità deontologica, con l’uso di strumenti conoscitivi specifici di tipo teorico e metodologico, per la progettazione, programmazione, intervento e valutazione di interventi educativi e supervisione, indirizzati alla persona e ai gruppi, in vari contesti educativi e formativi, per tutto il corso della loro vita, nonché con attività di consulenza educativa, di didattica, di ricerca e di sperimentazione.


La qualifica di educatore professionale socio-pedagogico è attribuita con Laurea triennale L19 in "Scienze dell'Educazione e della Formazione" e ai sensi delle disposizioni del decreto legislativo 13 aprile 2017, n. 65, a norma della Legge 27 dicembre 2017, n. 205, art. 1 comma 595 ed, in via transitoria, secondo quanto stabilito dai commi 597 e 598 della medesima legge. L’educatore professionale socio-pedagogico rientra nel livello di conoscenze, competenze e abilità e opera nelle aree di professionalità del 6º livello del Quadro europeo delle qualifiche (QEQ), secondo l’European qualifications framework, ai sensi della raccomandazione del Parlamento europeo e del Consiglio, del 23 aprile 2008, sulla costituzione del Quadro europeo delle qualifiche per l’apprendimento permanente, di seguito denominata «raccomandazione europea 23 aprile 2008» (Legge n.205/2017, art.1 comma 595). Ai sensi della legge 14 gennaio 2013, n. 4, la professione di educatore professionale socio-pedagogico rientra nelle professioni non organizzate in ordini o collegi. La formazione prevede l'obbligatorietà di percorsi professionalizzanti di tirocinio formativo presso scuole, istituzioni ed enti educativi e formativi, aziende e strutture della pubblica amministrazione, servizi socio-educativi, socio assistenziali e socio-sanitari, e possono anche prevedere soggiorni presso altre università italiane ed estere, anche nel quadro di accordi internazionali.


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 Conoscenze e competenze dell'Educatore professionale socio pedagogico

L'Educatore professionale socio pedagogico possiede:

  • conoscenze teoriche di base e competenze operative nelle scienze pedagogiche e metodologico-didattiche, integrate da ambiti differenziati di conoscenze e competenze nelle discipline filosofiche, sociologiche e psicologiche, ma sempre in relazione a una prevalenza della formazione generale, relativa alla conoscenza teorica, epistemologica e metodologica delle problematiche educative nelle loro diverse dimensioni, compresa quella di genere;

  • conoscenze teorico-pratiche per l'analisi della realtà sociale, culturale e territoriale, e competenze per elaborare, realizzare, gestire e valutare progetti educativi, al fine di rispondere alla crescente domanda educativa espressa dalla realtà sociale e dai servizi alla persona e alle comunità;

  • abilità e competenze pedagogico-progettuali, metodologico-didattiche, comunicativo relazionali, organizzativo-istituzionali al fine di progettare, realizzare, gestire e valutare interventi e processi di formazione continua, anche mediante tecnologie multimediali e sistemi di formazione a distanza;

  • una solida cultura di base nelle scienze della formazione dell'infanzia e della preadolescenza finalizzata ad acquisire competenze specifiche, saperi trasversali, metodi e tecniche di lavoro e di ricerca per gestire attività di insegnamento/apprendimento e interventi educativi nei servizi;

  • il possesso fluente, in forma scritta e orale, di almeno una lingua dell'Unione Europea, oltre l'italiano e adeguate competenze e strumenti per la comunicazione e la gestione dell'informazione.


Gli ambiti di intervento dell'Educatore professionale socio -pedagogico

L'Educatore professionale socio pedagogico opera nei servizi e nei presidi socio-educativi e socio-assistenziali, nei confronti di persone di ogni età, prioritariamente nei seguenti ambiti: educativo e formativo; scolastico; socio-assistenziale, relativamente agli aspetti socio-educativi; nei servizi e nei presidi socio-sanitari e della salute per quanto concerne gli aspetti socio-educativi; della genitorialità e della famiglia; culturale; giudiziario; ambientale; sportivo e motorio; dell'integrazione e della cooperazione internazionale.
Ai sensi del DM 16 marzo 2007 - GU n. 153 del 6 luglio 2007, l'Educatore professionale socio pedagogico, svolge le proprie attività professionali, nelle strutture pubbliche e private che gestiscono e/o erogano servizi sociali e socio-sanitari (residenziali, domiciliari, territoriali) previsti dalla Legge 328/2000 e riguardanti:

  • famiglie

  • minori

  • anziani

  • soggetti detenuti nelle carceri

  • stranieri

  • nomadi

  • persone con disabilità

  • servizi culturali, ricreativi, sportivi (centri di aggregazione giovanile, biblioteche, mediateche, ludoteche, musei, ecc.)

  • servizi di educazione ambientale (parchi, ecomusei, agenzie per l'ambiente, ecc.);

  • svolge anche attività di animatore socio-educativo

  • ulteriori ambiti occupazionali sono le attività professionali di formatore, istruttore o tutor nei servizi di formazione professionale e continua, pubblici, privati e del privato sociale, nelle imprese e nelle associazioni di categoria

  • nei servizi di sostegno alla genitorialità

  • nelle strutture prescolastiche, scolastiche ed extrascolastiche

  • convitti, semiconvitti ed educandati in qualità di personale educativo,

  • nei servizi educativi per l'infanzia (nidi e micronidi, sezioni primavera, spazi gioco, centri per bambini e famiglie, servizi educativi in contesto domiciliare) e per la preadolescenza. Come educatori nei servizi educativi per l'infanzia (la qualifica di educatore professionale socio pedagogico deve ricomprendere, ai sensi del combinato disposto dal DL.65/2017 e L.205/2017, anche i crediti formativi universitari utili all'acquisizione della qualifica di educatore dei servizi educativi per l'infanzia).


Naturale prosecuzione degli studi dell'Educatore professionale socio-pedagogico può essere quella che porta alla qualifica di Pedagogista attraverso il conseguimento di una delle Lauree magistrali abilitanti attive presso i Dipartimenti e/o Facoltà di Scienze della Formazione che danno accesso a tale professione: LM 85 Scienze Pedagogiche, LM 50 Programmazione e gestione dei servizi educativi, LM 57 Scienze dell'educazione degli adulti e della formazione continua o LM 93Teorie e metodologie dell'e-learning e della media education.


Fonti:
https://it.wikipedia.org/wiki/Educatore_professionale_socio_pedagogico
https://www.gazzettaufficiale.it/eli/id/2017/12/29/17G00222/sg
https://www.gazzettaufficiale.it/eli/id/2017/12/29/17G00222/sg
https://www.gazzettaufficiale.it/eli/id/2013/01/26/13G00021/sg
https://www.gazzettaufficiale.it/eli/id/2018/12/31/18G00172/sg
https://www.gazzettaufficiale.it/eli/id/2007/07/06/07A05800/sg
https://www.gazzettaufficiale.it/eli/id/2000/11/13/000G0369/sg
https://www.gazzettaufficiale.it/eli/id/2017/05/16/17G00073/sg

Il lavoro dell'Educatore_edited.jpg

ÉDUCATEUR PROFESSIONNEL MEMBRE PÉDAGOGIQUE EN SANTÉ ET SERVICES DE SANTÉ ET PROTECTIONS
Le 27 octobre 2021, le ministre de la Santé Speranza, en accord avec le ministre de l'Université et de la Recherche, a publié un arrêté ministériel qui met en œuvre la délégation contenue dans le  Décret législatif 104/2020 qui, au paragraphe 1 de l'article 33-bis .

Attività educativa ambito sanitario

Article 33-bis du décret législatif 104/2020 tel que converti en loi par L 126/2020
 

Article 33-bis Mesures urgentes pour la définition des fonctions et du rôle des éducateurs socio-pédagogiques dans les centres socio-sanitaires et de santé).

« Une spécificité du rôle de la figure professionnelle de l'éducateur socio-pédagogique dans les aides socio-sanitaires et sanitaires est la dimension pédagogique, dans ses déclinaisons sociales, de la marginalité, du handicap et de la déviance.

2. Les fonctions d'éducateur socio-pédagogique visées à l'alinéa 1er, exercées en collaboration avec d'autres personnalités socio-sanitaires et en application de l'article 1er, alinéa 2, de la loi no. 4, se référer aux activités professionnelles suivantes :
a) identifier, promouvoir et développer le potentiel cognitif, affectif, ludique et relationnel des sujets, au niveau individuel et collectif, dans le cadre de projets pédagogiques développés en autonomie professionnelle ou en équipe dans une perspective interdisciplinaire et interprofessionnelle ;
b) contribuer aux stratégies pédagogiques pour programmer, planifier, mettre en œuvre, gérer, suivre, vérifier et évaluer les interventions éducatives visant à développer le potentiel de toutes les matières pour l'atteinte de niveaux de plus en plus avancés de développement, d'autonomie personnelle et d'inclusion sociale;
c) concevoir, organiser, mettre en œuvre et évaluer des situations et des processus d'éducation et de formation, tant dans des contextes formels, publics et privés, que dans des contextes informels, visant à promouvoir le bien-être individuel et social, à soutenir, accompagner et mettre en œuvre le projet de vie des personnes avec une fragilité existentielle, une marginalité sociale et une pauvreté matérielle et éducative, tout au long de leur vie ;
d) construire des relations éducatives, des soins éducatifs, l'hospitalité et la responsabilité ; prévenir les situations d'isolement, de solitude, de stigmatisation et de marginalisation éducative, en particulier dans les territoires culturellement et socialement défavorisés ""

bottom of page